Servizio attivo

Il canone di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria (nuovo canone unico) è stato introdotto dal 1° gennaio 2021 e riunisce in una sola forma di prelievo le entrate relative all’occupazione di aree pubbliche e la diffusione di messaggi pubblicitari. 

A chi è rivolto

Il canone è dovuto dal titolare dell'autorizzazione o della concessione o, in mancanza, dal soggetto che effettua l'occupazione o la diffusione dei messaggi pubblicitari, anche in maniera abusiva. Per la diffusione di messaggi pubblicitari è obbligato in solido il soggetto pubblicizzato.

La Legge 30/12/2021, n. 234, art. 1, com. 706 ha prorogato al 31 marzo 2022 l’esenzione dal versamento del canone unico previsto per le occupazioni su area pubblica o privata ad uso pubblico effettuate dalle imprese di pubblico esercizio con strutture amovibili come dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni, purché funzionali alle seguenti attività:

  • esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, ossia ristoranti, bar, pizzerie, trattorie ed esercizi similari
  • esercizi che svolgono l’attività di somministrazione di alimenti e bevande congiuntamente all’attività di trattenimento e svago quali sale da gioco, locali notturni ed esercizi similari.

La legge proroga anche l’esonero fino al 30 giugno 2022 dal pagamento del canone unico per le occupazioni dello spettacolo viaggiante e delle attività circensi.

Descrizione

L’art. 1, comma 816, della Legge 27 dicembre 2019, n. 160 (Legge di bilancio per l’anno finanziario 2020) ha introdotto, a decorrere dal 1° gennaio 2021, il “Canone Unico Patrimoniale”, unificando i previgenti regimi di prelievo tributario riferiti ai seguenti “tributi minori”:

  • la tassa per l'occupazione (permanente e temporanea) di spazi ed aree pubbliche (TOSAP), inclusa l’ex TOSAP per operatori del mercato settimanale (ora “canone mercatale”);
  • l'imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni (ICP-DPA);
  • il canone per l'installazione dei mezzi pubblicitari(CIMP);
Come fare

La gestione del canone unico patrimoniale e mercatale è affidata alla San Marco Spa:

Cosa serve

Compilare la modulistica disponibile sul sito https://www.sanmarcospa.it/

Cosa si ottiene

Le autorizzazioni all’occupazione spazi ed all’istallazione di mezzi pubblicitari

Tempi e scadenze

Nessuna Scadenza

Il versamento del canone verrà richiesto dal Comune contestualmente al rilascio della concessione o dell'autorizzazione o alla diffusione dei messaggi pubblicitari

Costi

Il canone è così determinato:

  • per l'occupazione di suolo pubblico il canone è determinato, in base alla durata, alla superficie, espressa in metri quadrati, alla tipologia e alle finalità, alla zona occupata del territorio comunale o provinciale o della città metropolitana in cui è effettuata l'occupazione
  • per la diffusione di messaggi pubblicitari il canone è determinato in base alla superficie complessiva del mezzo pubblicitario, calcolata in metri quadrati, indipendentemente dal tipo e dal numero dei messaggi.
Accedi al servizio

Clicca qui per prenotare un appuntamento:

Prenota Appuntamento

Condizioni di servizio
Contatti

Ultimo Aggiornamento

28
Ago/23

Ultimo Aggiornamento